Struncatura con la nduja

Struncatura con la nduja

Dopo la pasta e patate ara tijeddra ecco un’altra ricetta calabrese che non potete perdere: la struncatura con la nduja. La struncatura, conosciuta anche come stroncatura è un formato di pasta davvero speciale! Tipica della piana di Gioia Tauro, apparteneva alla cucina povera. La storia narra che questa pasta veniva realizzata con gli scarti della farina raccolti da terra e per la scarsa igiene divenne un piatto proibito. Oggi la stroncatura è realizzata con i residui di farina e crusca della molitura del grano. A questi si aggiungono frumento integrale e seomola che donano un aspetto rustico e permettono di ottenere una pasta spessa e consistente. La stroncatura solitamente viene condita con alici e mollica, ma oggi vi propongo questa versione con la nduja che vi farà leccare i baffi! Attenzione perché il grado di piccantezza è alto! Se non amate il piccante diminuite di molto la dose di nduja. La struncatura è uno dei formati più adatti per realizzare questa pasta, raccoglie bene il sugo ed ha un gusto unico!

Se cerchi altre ricette calabresi prova anche:

Ingredients

  • 450 g struncatura
  • 150 g nduja
  • 560 g passata di pomodoro
  • sale fino
  • 30 g cipolla
  • olio e.v.o. q.b.

Procedimento

 


  1. Per preparare la struncatura con la nduja iniziate ad eliminare il budello da quest’ultima e prelevate la quantità necessaria. Tritate finemente la cipolla e lasciatela dorare con un filo d’olio a fiamma bassa. Aggiungete la nduja, mescolate e noterete subito che questa inizierà a sciogliersi. Quando sarà completamente sciolta aggiungete la passata di pomodoro.

  2. Versate un po’ di acqua nel contenitore della passata, agitatelo per prelevarla tutta e versatela nel tegame. Mescolate ancora e coprite con un coperchio. Dopo circa 30 minuti mettete su l’acqua che servirà per la cottura della pasta, non esagerate con il sale visto che il sugo è molto saporito. Se il sugo dovesse rapprendersi troppo aggiungete un mestolo di acqua di cottura. In tutto dovrà cuocere un’oretta.

  3. Regolandovi con i tempi di cottura del sugo cuocete la stroncatura e scolatela al dente. Trasferitela direttamente nel sugo, terminate la cottura mescolando bene. Servite la struncatura con la nduja ben calda!

Struncatura con la nduja

Il piatto è pronto…Non mi resta che augurarvi buon appetito! 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.