Stantuffi

I biscotti che oggi vi propongo sono una vera e propria tradizione familiare, una di quelle ricette che si possiedono gelosamente. Circa 100 anni fa il mio bis nonno possedeva un bar ed ogni mattina sfornava queste delizie, chiamate stantuffi…l’intera città si fermava a fare colazione, accompagnandoli con una tazza di caffè o un bicchiere di latte. Quella di oggi è una piccola rivisitazione, la ricetta di base non cambia, ma normalmente lui li preparava aggiungendo delle nocciole tostate all’impasto, io questa volta ho preferito aggiungere dei pezzetti di cioccolato! Scegliete voi la versione che preferite e preparatevi ad inzupparli nel latte!

Ingredienti per circa 30 biscotti:

  • 500 gr farina “0”
  • 3 uova medie
  • 150 gr zucchero
  • 1 bustina di lievito
  • 60 gr latte
  • 50 gr di olio di semi
  • 90 gr di cioccolato fondente ( o al latte)

Procedimento: 

IMG_9610 IMG_9614 IMG_9616 IMG_9618

Per preparare gli stantuffi iniziate a versare la farina in una ciotola capiente. Quindi aggiungete il lievito, lo zucchero, le uova ed iniziate ad impastare con le mani.

IMG_9619 IMG_9620 IMG_9621 IMG_9624

Unite a poco a poco il latte e l’olio di semi, continuate fino a compattare la massa. Quindi trasferitela su una spianatoia e lavoratela fino ad ottenere un impasto omogeneo.

IMG_9630 IMG_9633 IMG_9635 IMG_9640

Triturate grossolanamente il cioccolato (avendo un cioccolato sottile ho utilizzato un mortaio, ma voi potete tranquillamente utilizzare un coltello) ed incorporatelo all’impasto senza scaldarlo troppo con le mani. A questo punto ricavate dei filoni dall’impasto larghi circa 2 cm.

IMG_9642 IMG_9643 IMG_9651 IMG_9654

Tagliateli in pezzi lunghi circa 4-5 cm. Disponeteli su una teglia foderata con la carta forno ed cuoceteli in forno statico preriscaldato a 170° per circa 20 minuti, senza farli dorare troppo. Lasciate raffreddare i vostri biscotti su una gratella e gustateli! Se preferite potete conservarli per una settimana chiusi in una scatola di latta!

stantuffi

Il piatto è pronto…Non mi resta che augurarvi buon appetito!!!

Non occorre lavorare troppo l’impasto; gli stantuffi sono particolari proprio per il loro effetto ruvido in superficie

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.