About me

11/2013-05/2014 Commis di pasticceria presso il “Vun”, ristorante stellato di Milano

Ok non era la prima esperienza, ma una delle prime, una di quelle che non si dimentica mai, per tutta la vita. Ok ero una stagista, non ero assunta direttamente da loro ma ero comunque li, al ” vun”, ristorante stellato del parkyatt, hotel extra lusso di Milano. Li tutto era diverso: le divise, le persone, gli orari, gli ingredienti, per non parlare dei piatti, si puntava alla qualità e non alla quantità. Lo chef era Andrea Aprea, napoletano verace, che riusciva a rimettere tutti in riga con uno sguardo. “Si chef!”, dovevamo ad ogni comanda e nonostante fossimo in 20 lui riusciva a riconoscere se quella che mancava era la tua risposta. Colleghi indimenticabili, ma il mio mentore era sicuramente Galileo, ve ne ho già parlato! La sua manualità, i suoi gesti e le sue spiegazioni ti restavano impressi nella mente e tutto diventava fattibile. Un lavoro full time, ma full time in tutti i sensi, mi rimaneva solo il tempo di dormire, a volte non riuscivo nemmeno a fare la doccia una volta tornata a casa, ma l’avevo presa seriamente e in pochi mesi ho imparato a fare tutto, quasi tutto. Ero sempre la stagista, ma una di quelle stagiste che si possono lasciare sole al pomeriggio, una di quelle che riusciva a preparare l’intera linea per il servizio serale. Un giorno, in occasione dei 10 anni del parkyatt abbiamo realizzato un video che ha fatto subito il giro dei miei parenti, era la prima volta che sapevo che mia madre era orgogliosa di me. Purtroppo lei non c’era già più, ma quel momento ancora oggi mi riempie il cuore di gioia e mi ricorda le serate trascorse insieme a guardare su internet tutti i dettagli di questo ristorante, che sembrava cosi irragiungibile. C’era una foto, in cui tutti gli chef lanciavano il loro cappello e lei mi diceva: “un giorno lo farai anche tu”, quindi mentre mi riprendevano e mentre scattavano quelle foto il mio stato d’animo era un pò combattuto, sentivo la sua mancanza ma sentivo anche che la stavo rendendo orgogliosa.

IMG-20140509-WA0010

 

 

 

Clicca qui per vedere il video!

 
Durante la mia permanenza al vun uno dei momenti più speciali è stato sicuramente il taste. Un evento di cui mi ero innamorata l’anno prima e in cosí poco tempo da spettatrice mi sono ritrovata io li a preparare uno dei dolci più buoni e scenografici: la pastiera sferica. C’era un bel clima, divertimento e lavoro a volte riescono a coincidere alla perfezione!

vun

 

02/2014 Assistente della chef Ambra Romani

Tre giorni a Venezia, indimenticabili… noi eravamo proprio li al centro di piazza san marco, sotto la colombina che volava! La cosa positiva della mia scuola è che ha sempre avuto ottimi contatti e cosí è riuscita a mandare due di noi ( io e francesca) ad assistere la chef Ambra Romani durante il suo show cooking, la conoscerete sicuramente grazie alla prova del cuoco. Mi è sempre piaciuta quella donna, sprigiona dolcezza da tutti i pori ed è matta, in senso più che buono ovviamente! Ricordo ancora il primo giorno, eravamo pronti ad accogliere un bel gruppetto di bambini, lo show cooking era sulla realizzazione dei cupcake ed era stato organizzato dall’azienda “San Martino”, che produce prodotti dolciari, un pò come la cameo, ma a parer mio di gran lunga superiori ;sono riuscita a testarne un pò perché al mio ritorno con grande entusiasmo ho trovato ad attendermi una ricca scatola con molti dei loro prodotti. Comunque tornando a quel giorno, ero cosí emozionata che mentre ci occupavamo di preparare le creme per decorare i cupcake ho rovesciato circa mezzo litro di panna, sporcando tutto e anche Ambra 😛 , penso che chiunque mi avrebbe mandato via, avrebbe potuto pensare ma che sciocca questa ragazza, ma c’è stato solo uno sguardo (mi avrà odiato in quel momento), si è data una ripulita e tutto è tornato come prima! Le trasferte sono sempre quelle che più amo, aiutano a consolidare i rapporti e a staccare da tutto il resto e poi i bimbi sono sempre i bimbi, è stato bello giocare con loro a creare forme di pasta di zucchero e sporcarsi con loro mentre decoravano le proprie tortine.

venezia

Continua a leggere nella prossima pagina…